Miccichè, Di Paola e Musumeci tra i grandi elettori del Quirinale

Ars

L’Ars ha scelto i tre grandi elettori che rappresenteranno la Sicilia all’elezione del prossimo Presidente della Repubblica: si tratta del presidente dell’Assemblea Gianfranco Micciché (che ha ottenuto 44 voti), del deputato del M5S Nuccio Di Paola (che ha ottenuto 32 voti) e del presidente della Regione Nello Musumeci (che ha ottenuto 29 voti).

“Ringrazio i colleghi deputati regionali – ha dichiarato Nuccio Di Paola – per l’attestato di fiducia espresso oggi nei miei confronti attraverso il prestigioso mandato che l’Aula mi ha affidato. Il risultato del voto conferma per l’ennesima volta che il governo Musumeci non ha più una maggioranza all’Ars ed è al capolinea. Al contempo, il voto fa emergere un fronte dell’opposizione maturo e compatto, che va ben oltre i numeri attesi superando le preferenze del presidente della Regione. Sono buone premesse per mettere insieme forze politiche capaci di affrontare le prossime sfide della Sicilia. Mi preparo intanto a compiere, con una certa emozione ma anche con grande senso di responsabilità, il prossimo passo, l’elezione della più alta carica dello Stato. In quell’occasione daremo il nostro contributo per determinare la vita democratica nazionale e il futuro del nostro Paese”.

«Non posso non prendere atto dell’esito del voto espresso dall’Aula e del suo significato politico – le parole del presidente Musumeci -. Se qualche deputato, vile e pavido, si fosse illuso, con la complicità del voto segreto, di aver fatto un dispetto alla mia persona, si dovrà ricredere. Perché il voto di questo pomeriggio, per la gravità del contesto generale, costituisce solo una offesa alle istituzioni regionali, a prescindere da chi le rappresenta. Nella consapevolezza di avere ottenuto la fiducia del popolo siciliano, adotterò le decisioni che riterrò più giuste e le renderò note entro le prossime ventiquattr’ore».