Enna: tripudio di colori e suoni nelle giornate federiciane di luglio

Settimana federiciana a Enna
PUBBLICITÀ    

Il weekend federiciano di luglio ha radunato a Enna settanta arcieri e 380 artisti e figuranti dalla Sicilia e da diverse regioni d’Italia e presenza oltre le aspettative al Mercato storico allestito alla Torre di Federico. E mentre la Settimana europea federiciana, giunta alla sua diciottesima edizione, continua a crescere per la collaborazione che arriva da diverse forze del territorio (associazioni culturali, sportive, di volontariato, corporazioni di categoria, scuole, università, artisti ed estimatori del Medioevo), già ci si prepara per l’evento del prossimo autunno: dopo le giornate culturali e gastronomiche di maggio e le giornate delle rievocazioni storiche e dei giochi dei quartieri di luglio, infatti, a ottobre sarà consegnato il Premio internazionale per l’Europa “Federico II” a Enrico Letta, in una cerimonia prevista al teatro Francesco Paolo Neglia.

PUBBLICITÀ    

“Posso affermare che è stata una grande festa di popolo. L’identità federiciana si consolida sempre di più. Questa è la città di Federico II, la città dei quartieri – dichiara Cettina Rosso, promotrice dell’evento e presidente della Casa d’Europa – la manifestazione mantiene viva la memoria della storia e in questo senso continueremo, forti delle grandi sinergie createsi, pronti per l’edizione 2025”.

Degne di nota realtà come Laberna Aps di Fabio Di Fina e Rosa Maria Merlo, curatori del Mercato dei Crociati che girano l’Italia con la loro taverna e le loro bevande di ispirazione medievale (apprezzati di recente anche ad Etna Comics), Officina medievale e Bottega Culturale Sicilia, guidate rispettivamente da Ivana Antinoro e Antonio Messina, che hanno messo a disposizione della manifestazione la loro fitta rete di contatti in ambito di rievocazioni medievali, il quartiere U Pupulu, guidato da Armando Schillaci, che si è trasformato in un vivaio di giovani appassionati di tamburi medievali e che da pochissimo ha fatto debuttare i primi sbandieratori ennesi.

Fondamentali anche le collaborazioni con la sezione ennese della Uisp (unione italiana sport per tutti) che ha fornito arbitri al Palio dei quartieri, i volontari della Croce Rossa di Enna per il servizio sanitario e di protezione civile, la Confartigianato Enna, che ha realizzato e donato il trofeo per il quartiere vincitore del Palio, e ancora l’attrice e drammarturga Elisa Di Dio, conduttrice della serata finale del Gran corteo storico, e lo showman Mario Vaccaro, cronista delle gare del Palio e della cerimonia finale.

Gradita la presenza – a sorpresa – della pittrice e sand artist Stefania Bruno all’interno del Gran corteo storico di domenica. L’artista, apprezzata a livello nazionale e di recente ospite fissa del programma Camper di Raiuno, ha vestito i panni della regina consorte di Federico II, Costanza d’Aragona, riprendendo il ruolo che per anni ha interpretato con passione nelle rievocazioni federiciane.

Accanto a Cettina Rosso, in questa grande kermesse medievale, i referenti Maria Renna e Giuseppe Castronovo, sostenuti dal patrocinio del Comune di Enna, rappresentato dall’assessore Giuseppe La Porta che domenica sera ha presenziato alla cerimonia di premiazione del Palio in piazza San Sebastiano.

Il quartiere U Sarbaturi, guidato dal reggente Giuseppe D’Agristina, ha conquistato il sudato primo posto in classifica nel Palio 2024 dei Quartieri “Federico II”, aggiudicandosi lo scudo di legno stilizzato con inserti in plexiglass placcati in oro realizzato appositamente da Luigi Ricerca e Fabio Cocimano di Confartigianato Enna.

La gara, disputata sabato pomeriggio in via IV Novembre, ha visto la presenza di cinque squadre sfidarsi nella corsa a tempo con la carriola (con carico di legna, a slalom e con staffetta tra i giocatori), nella corsa a tempo con i trampoli e nel torneo a squadre sul cavallo Baiardo con giavellotto e cerchi.

I giocatori hanno portato avanti i tornei con grande spirito sportivo, supportandosi a vicenda con lealtà, sotto la lente attenta dell’arbitro Mario Starrantino, il designatore arbitri Leonardo Cino, il collaboratore Uisp Simone Andolina e il giudice sportivo nazionale Silvestro Gianblanco, tutti della Uisp Enna.
Alla fine dei giochi, è stato necessario affrontare uno spareggio con la corsa della carriola, che ha coinvolto giocatori e pubblico fino a sera.

A coordinare è stato il referente dei giochi federiciani Giuseppe Castronovo, mentre a condurre e a fare la cronaca sportiva è stato lo showman Mario Vaccaro.

La classifica finale vede U Sarbaturi primo, seguito da San Pitru, terzo posto per I Funnurisi, quarto per U Pupulu e quinto per Beddivirdi.

Sotto la direzione artistica di Antonio Messina (nei panni dell’imperatore Federico II) e della direzione organizzativa di Ivana Antinoro per Officina medievale Enna, il Gran corteo storico 2024 ha visto la presenza di 380 figuranti e artisti che hanno portato colore, suoni e un tocco di Medioevo nel centro storico di Enna per l’intero pomeriggio di domenica.

Subito dopo le squadre dei quartieri storici del Palio “Federico II”, i tamburi e gli sbandieratori del quartiere U Pupulu, hanno sfilato la corte dell’imperatore e il Castellano di Castrum Johanni, Riccardus de Trentenaria, figura storica interpretata dall’attore Gaetano Libertino, con accanto la sua consorte Maria Rosa Campisi. Straordinari padroni di casa, i giullari Dario Di Dio e Laura Monastero che oltre ad animare l’intero corteo coinvolgendo grandi e piccini nelle loro giullarate, hanno svolto un’importante ruolo di coordinamento tra i gruppi ospiti e gli organizzatori.

Accanto a Federico II, la Compagnia degli arcieri di Federico II di Enna, i falconieri di Artigli del Re di Santa Lucia del Mela, nonché la corte con i poeti Jacopo da Lentini e Pier delle Vigne, il Vescovo Berardo di Castagna e il Gran Maestro dell’Ordine Teutonico Ermanno di Salza. Ospite in corteo, anche il fachiro dei serpenti Nino Scaffidi, che in serata ai piedi della Torre ha ammaliato il pubblico con le sue performance con serpenti, tarantole e fuoco.

Particolarmente apprezzati i Tataratà di Casteltermini, gruppo folcloristico composto da danzatori armati con le spade che hanno eseguito coreografie al suono ritmato dei tamburi, e i Tamburi di Buccheri, gruppo affermato in tutto il Maghreb.

Presenti poi il gruppo danza e i figuranti di Officina Medievale Enna, i musici dei Tir Na Nog, con esibizioni di musica medievale e celtica, le artiste del fuoco e della danza della Compagnia Magma, il gruppo di rievocazione storica di Mili San Pietro, il gruppo di rievocazione storica Jacopo e Riccardo da Lentini, l’associazione Sicularagonesia di Randazzo, con figuranti che indossano preziose riproduzioni di abiti del XV secolo, l’associazione Antiche Torri di Santa Lucia del Mela, con dame, cavalieri, popolani, crociati e personaggi storici del tempo di Federico II, e ancora il Nobile Quartiere Monte Mira di Piazza Armerina, con figuranti, trombettieri, tamburi e sbandieratori, e l’associazione Contessa Adelasia di Aidone con abiti del periodo di re Ruggero II.

Tra applausi, foto e video, il numeroso pubblico accorso ha accompagnato la sfilata fino al piedi della Torre di Federico, dove si è tenuta la rievocazione storica della consegna delle chiavi della città dal castellano all’imperatore Federico II e si sono susseguite esibizioni artistiche e musicali dei gruppi fino a tarda sera.

Ottimo risultato per numero di presenze e prestazioni di gara per le tre competizioni di arco storico organizzate dalla Compagnia degli Arcieri del Castello di Enna, guidati da Gaetano Campisi, gare del campionato nazionale Fitast- Fitarco e valide per il campionato regionale.

Sono stati settanta i partecipanti, arrivati da diverse località della Sicilia, ma anche da Marche, Umbria ed Emilia Romagna. Nel corso della cerimonia di investitura degli arcieri, tenutasi alla Torre di Federico venerdì, la Compagnia degli Arcieri del Castello ha accolto nove nuovi soci, dai 16 anni in su.

Sabato il IV Palio degli antichi quartieri è stato vinto dagli Amici dell’Arcus Tudor di Todi abbinati al Quartiere Sant’Onofrio e lo stesso IV Trofeo Regnum Siciliae è stato conquistato dall’Arcus Tuder.

Ed ecco la corposa classifica della decima edizione del Trofeo Maria Santissima della Visitazione, disputata domenica.

MADONNE ARCO FOGGIA STORICA

1° Daria Mostovshchykova (Asd Arcus Tuder, Todi)

2° Sonia Perpignano (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

3° Mariangela Acciaio (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

4° Marianna Mazza (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

5° Patrizia Amico (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

MESSERI ARCO FOGGIA STORICA

1° Claudio Ciucci ( Asd Arcus Tuder, Todi)

2° Gaetano Savoca (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

3° Mario Piano (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

4° Sebastiano Schillaci (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

6° Mario Mancuso (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

7° Raffaele Chiarandà (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

MADONNE ARCO TRADIZIONALE

1° Flavia Pisello (Arcieri Palio dei Castelli di San Silvestro Marche)

2° Candida Gambini (Castrum Firmignani, Firmignano)

3° Loredana Notaro (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

5° Damiana Tanteri (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

MESSERI ARCO TRADIZIONALE

1° Ettore Bertoldi ( Asd Arcus Tuder, Todi)

2° Antonio Notaro (Compagnia Asd Arcieri San Marco d’Alunzio)

3° Antonino Munafò (Associazione medievale arcieri lanciatori di asce e coltelli  di Montalbano Elicona)

8° Gaetano Campisi (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

9° Giovanni Acciaio (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

12° Alessandro Carnazza (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

14° Rosario Primofrutto (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

18° Paolo Primofrutto (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

19° Riccardo Messina (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

MADONNE ARCO STORICO

1° Isabelle Rizk (Asd Arcus Tuder, Todi)

2° Loredana Ferrante (Compagnia Asd Arcieri dei Nebrodi)

3° Maria Mangione (Compagnia Asd Arcieri dei Nebrodi)

4° Salvina Conoscenti (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

5° Marisa Barbera (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

MESSERI ARCO STORICO

1° Luca Cionco (Asd Arcus Tuder, Todi)

2° Giuliano Cerioni (Arcieri del Leone, San Marcello Marche)

3° Giuseppe Polizzotto (Compagnia Asd Arcieri dei Nebrodi)

7° Michele Milano (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

9° Giuseppe La Blasca (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

CATEGORIA PUERI

1° Luana Pavone (Compagnia Asd arcieri e balestrieri del Castello di Enna)

2° Roberta Restivo (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

3° Filippo Parrucci (Asd Arcus Tuder, Todi)

CATEGORIA JUVENIS

1° Riccardo Pavone (Compagnia Asd arcieri e balestrieri del Castello di Enna)

2° Matteo Primofrutto (Compagnia Arcieri del Castello di Enna)

CLASSIFICA A SQUADRE ARCO STORICO

1° Gruppo storico arcieri catanesi Santa Lucia

2° Compagnia asd arcieri dei Nebrodi

3° Compagnia arcieri del Castello di Enna

CLASSIFICA A SQUADRE TRADIZIONALE

1° Asd Arcus Tuder di Todi

2° Compagnia Asd arcieri San Marco d’Alunzio

3° Amalac di Montalbano Elicona

4° Compagnia arcieri del Castello di Enna

CLASSIFICA A SQUADRE ARCO DI FOGGIA STORICO

1° Compagnia arcieri del Castello di Enna

PUBBLICITÀ