Enna: il Comune ricorda la festa dell’Europa

Dipietro e Vacanti

Oggi 9 maggio è la Festa dell’Europa. La data ricorda il giorno del 1950 in cui vi fu la presentazione da parte di Robert Schuman del piano di cooperazione economica, ideato da Jean Monnet ed esposto nella Dichiarazione Schuman, che segnò l’inizio del processo di integrazione europea con l’obiettivo di una futura unione federale.

Così il 9 maggio 1985, in occasione del vertice tenutosi a Milano, la Comunità Economica Europea scelse di adottare come Giorno dell’Europa questa data in ricordo della proposta di Schuman per la creazione del nucleo economico europeo, a partire dalla messa in comune delle riserve di carbone e acciaio, che fu il primo passo verso l’Unione Europea, ritenuta “indispensabile” al mantenimento della pace.

Il 9 maggio ricorre anche il “Giorno della Memoria” dedicato alle vittime del terrorismo interno e delle stragi di tale matrice.

“In questa storica ricorrenza che celebra la pace e l’unità in Europa, anche ad Enna si manifesta l’Europa e la pace con gli studenti della città”, ha dichiarato il Sindaco di Enna, Maurizio Dipietro.

Presso il teatro Garibaldi, infatti, la Casa d’Europa ha oggi riunito gli studenti e i docenti ennesi per la cerimonia del premio Europa “Eduardo Fontanazza” e del Premio speciale “Rocco Lombardo”. Il bando per le scuole quest’anno ha avuto per tema: “Unità nella diversità. Dal quartiere dove vivi all’Europa, luogo ideale di pace e di solidarietà tra i popoli. Un lungo percorso per costruire una comunità di destino”. A tutti gli studenti partecipanti sono state consegnate targhe e attestati di partecipazione.