Caltanissetta: Prefettura, riunione di analisi della situazione epidemiologica della provincia nissena.

Tenutasi in video conferenza una riunione del Prefetto, Dott.ssa Cosima Di Stani, con i Sindaci della provincia nissena e la Direzione Generale, amministrativa e sanitaria della locale Azienda Sanitaria per fare il punto della situazione sulle  misure di contenimento e contrasto dell’emergenza da COVID – 19 nella provincia nissena.

Nel corso della riunione la Direzione dell’ASP ha illustrato, con l’ausilio di grafici, uno studio sull’andamento della situazione epidemiologica a partire dal 1 ottobre ad oggi.

In particolare sono stati presentati i dati relativi alla popolazione residente, i tamponi effettuati dall’inizio della pandemia, l’andamento dei contagi e la situazione dei Presidi Ospedalieri.

È emerso che sono stati effettuati e processati circa 85000 tamponi, molecolari e rapidi, da marzo ad oggi, ed è stato messo in evidenza che la percentuale riscontrata di casi di positività al virus è stata di circa il 6%.

Nel corso dell’incontro è stato quindi approfondito l’andamento dei contagi, in particolare analizzando la curva pandemica in provincia, raffrontandola con la corrispondente curva nazionale e regionale e operando, successivamente, un focus Comune per Comune.

L’analisi, dettagliata, ha messo in evidenza sia i Comuni in cui la curva dei contagi è stabile e sotto controllo sia i Comuni in cui è necessario operare maggiore attenzione per mantenere la curva dei contagi la più bassa possibile.

Durante l’incontro si è dunque discusso delle possibili misure da poter mettere in atto e di quelle già attuate, come la chiusura delle scuole e l’interdizione di vie e piazze ove si sono registrati assembramenti.

In tale direzione il Prefetto ha illustrato quali siano gli strumenti a disposizione dei Sindaci, con particolare riguardo alle ordinanze di chiusura delle vie e piazze in chiave anti assembramento, così come già avvenuto nei Comuni di Niscemi, Gela e Mazzarino.

Nell’ottica dell’adozione di tali strumenti il Prefetto ha ribadito, altresì, la possibilità per tutti i Sindaci di chiedere l’assistenza del Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica per la valutazione degli strumenti da adottare.

Per quanto riguarda la situazione dei contagi nelle scuole della provincia, la Direzione dell’ASP ha tenuto a precisare che l’incidenza dei contagi nella sola popolazione scolastica è del tutto minoritaria rispetto all’insieme dei contagi.  A tale riguardo la direzione sanitaria della ASP ha fatto presente che è in corso anche uno screening per tutta la popolazione scolastica primaria compreso anche il corpo docenti.

È stato poi affrontato il tema della distribuzione dei posti letto nella rete ospedaliera provinciale, con la specificazione da parte dell’ASP che i ricoveri dei contagiati COVID avvengono nei due ospedali maggiori di Caltanissetta e Gela. Tali nosocomi hanno visto, dall’inizio della pandemia, un incremento dei posti di letto dedicati ai pazienti COVID e del personale medico e non, al fine di far fronte all’emergenza in atto. Gli altri presidi ospedalieri periferici di Mazzarino, Mussomeli e Niscemi rimangono a disposizione per i ricoverati non affetti da COVID e per qualunque esigenza dovesse crearsi in relazione alla crisi pandemica in atto. Al riguardo, i Sindaci dei suddetti Comuni concordano con l’ASP nel senso di tenere in considerazione tali strutture per qualunque necessità, ivi compresa la possibilità di alleggerire, tramite spostamenti di degenti nei posti letto disponibili, la pressione sugli ospedali di Caltanissetta e Gela.

È stato affrontata, poi, la tematica dei contagi all’interno delle case di riposo, RSA e comunità alloggio. Sul punto, la Direzione dell’ASP conferma di aver concertato un piano per effettuare lo screening a tutte le strutture presenti sul territorio nisseno, di concerto con i Sindaci ove tali strutture insistono. Nei prossimi giorni, quindi, verrà effettuata una mappatura completa e verrà eseguito il test a tutti coloro presenti nei detti presidi, personale ospite e lavoratori.

A conclusione della riunione, i Sindaci hanno espresso l’esigenza che sia mantenuto un costante confronto con la direzione strategica della Azienda Sanitaria e a tale riguardo il Prefetto ha disposto un aggiornamento del tavolo a fine novembre, affinché possano essere valutati i risultati relativi alle misure di contenimento attuate dai Sindaci e possa esserci un costante monitoraggio della situazione in atto.

error: Content is protected !!