Coronavirus: triste primato per la provincia di Enna, ha il più alto numero di positivi per abitanti

Primo caso di Coronavirus a Barrafranca. Uno dei pochi Comuni della provincia di Enna che sembrava rimasto indenne dall’epidemia, entra a far parte del triste elenco dei centri colpiti.
A darne notizia il primo cittadino Fabio Accardi, tramite il profilo Facebook.
Il Sindaco, rassicurando i concittadini sulla possibile catena di contagio, lancia un’accusa: la trasmissione, secondo gli elementi in suo possesso, sarebbe avvenuta – come nel caso di Pietraperzia – presso l’Umberto I di Enna.
La provincia di Enna, stando ai dati ministeriali, vanta il triste primato in Sicilia di avere il più alto numero di soggetti positivi per numero di abitanti. Ogni 10 mila ci sarebbero 5,36 casi per un totale di 90 persone infette, delle quali, più di metà albergate in ospedale. Mentre gli altri, asintomatici o quasi, si trovano in isolamento nelle proprie abitazioni. Emblematica la positività del sindaco del piccolo comune di Cerami, Silvestro Chiovetta, ricoverato nel nosocomio ennese.
Importante anche il numero di comuni che ha chiesto – Agira già lo è – di essere dichiarato “zona rossa” dal governatore Nello Musumeci. All’appello si sarebbe aggiunto Leonforte, che registra (la fonte ufficiale il sindaco) 10 casi accertati, idem il comune di Assoro e ancora il comune di Troina, con la sua “Oasi”, dove si registrano 33 casi accertati, 20 pazienti e 13 dipendenti (su 89 esiti di 176 tamponi effettuati).
In Provincia sono sei i decessi con Covid19 e il numero potrebbe salire ulteriormente per via dell’esito incerto di alcuni tamponi effettuati dopo la dipartita di altre due persone.
Alcuni possibili alleati per vincere questa guerra silenziosa, che non consente di tenere la mano ai propri cari e accompagnare alcuni di essi nell’ultimo viaggio: la somministrazione dei tamponi al personale socio sanitario, tutto; rifocillare medici e infermieri di dispositivi di protezione individuali efficaci; la possibilità, in tutti i presidi ospedalieri, di analizzare i tamponi oro-faringei per velocizzare i tempi di attesa e ricostruire le catene di contagio e rispettare le regole: nessuno esca di casa.
Angela Montalto

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com